Warning: include(/home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/images/img.php): failed to open stream: Permission denied in /home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/sidebar-1.php on line 2

Warning: include(): Failed opening 'images/img.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php') in /home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/sidebar-1.php on line 2

Se vuoi saperne di più…

PER INFORMAZIONI CONTATTA :

DOTT.SSA ANNA MARIA BUZZI

tel. 0544 31806 (in orario pomeridiano)
email: silviobuzzi@racine.ra.it

Siamo su Facebook

CRM197 su facebook

Presente del verbo morire

Diffondi il Manifesto

Se vuoi diffondere le notizie sul CRM197
anche nella tua città
 

Il Libro

Il talco sotto la lampada

Risorse

"Mentre un cliclo di chemio costa diverse centinaia di Euro, un trattamento con il CRM197 non costerebbe quasi niente, forse per questo è poco appetibile per le cause farmaceutiche. Senza contare che mentre la chemio distrugge anche le cellule sane, il CRM197 si basa sulla stimolazione del sistema immunitario."

(Anna Maria Buzzi)

Mi Fa Male Il Mondo

"Ma mi fa più male che il cancro sia il più grosso affare economico del secolo..." (Giorgio Gaber)

Posts Tagged ‘Fondazione Silvio Buzzi’

24/09/2011 – Quella del Dott. Silvio Buzzi è una storia tristemente italica. Il nome di Buzzi era legato al Crm197, un derivato della tossina difterica in grado, secondo le sue analisi, di bloccare l’avanzata di determinati tipi di tumore, e in alcuni casi di farli scomparire. Le ricerche del ravennate, iniziate oltre trent’anni fa lontano dai tradizionali circuiti accademici, erano state pubblicate su riviste scientifiche internazionali come “The Lancet”, “Cancer Research”, “Cancer Immunology Immunotherapy e Therapy”, “American Association for Cancer Research”. Chi lo ha conosciuto lo descrive un gentiluomo d’altri tempi, il Dott. Buzzi. La sua scoperta risale al 1970, e prima di diventare una celebrità italiana, sulla scia però delle scoperte del Prof. Di Bella, lo era dovuto diventare all’estero, come in Giappone, dove lo veneravano. Molta gente è riuscita a guarire grazie alla sua scoperta e questo anche in Italia, fino a che improvvisamente qualcuno ha stoppato i test, si perché il nostro paese è sempre molto ingeneroso con chi merita onori…e viceversa…Lui non aveva minimamente battuto ciglio, rifiutandosi persino di brevettare la molecola che aveva scoperto, rinunciando a una montagna di soldi. La famiglia Buzzi ha dato vita alla Fondazione Silvio Buzzi che oggi, con enorme successo, donando speranza a milioni di malati, continua le proprie ricerche in Giappone, con sperimentazioni e studi all’avanguardia.

La Fondazione Silvio Buzzi organizza per il 24 settembre 2011 il convegno:

CRM197

Tra Oriente e Occidente

In Italia la Fondazione

In Giappone la sperimentazione

L’incontro si terrà a partire dalle ore 10 presso la Sala Cavalcoli della Camera di Commercio di Ravenna in Viale farini 14.

L’iniziativa è dedicata alla cittadinanza, agli addetti ai lavori del mondo della sanità, ai medici di base, agli amministratori locali, ai mezzi di comunicazione.
L’evento si svolge a quattro anni dal primo (svoltosi a Ravenna nell’ottobre 2007), che faceva il punto della situazione dopo che il Dott. Silvio Buzzi era stato invitato a Tokyo dai colleghi giapponesi, e ha innanzitutto l’obiettivo di continuare a condurre puntuali momenti di aggiornamento, corrispondendo a un impegno di informazione dell’opinione pubblica che la Fondazione ha preso e intende assolvere.

Il Dott. Giorgio Buzzi relazionerà in merito all’applicazione del Crm197 in campo oncologico, mentre la Dottoressa Anna Maria Buzzi esporrà in merito alle applicazioni in campo cardiologico concludendo poi con i risultati della sperimentazione attualmente in corso in Giappone.

Interverrà anche il Dott. Ahmed Sohail della casa farmaceutica Novartis.

Saranno presenti il Sindaco di Ravenna e altre personalità mediche e istituzionali.

Scarica il programma del convegno

Scarica la locandina

Thomas Pistoia

Costituita la Fondazione intitolata a Silvio Buzzi

posted by admin
domenica, marzo 28, 2010
E’ stata costituita la Fondazione Silvio Buzzi dedicata allo scopritore del CRM197, un derivato della tossina antidifterica capace, secondo gli studi dell’oncologo e per le applicazioni effettuate su molti pazienti, di bloccare o addirittura far sparire l’avanzata di determinati tumori.

A dar vita alla Fondazione rappresentanti di istituzioni, come il presidente della Camera di commercio Gianfranco Bessi, quattro consiglieri comunali (Ancisi, Bucci, Perini e Rubboli) e altri 22 cittadini.  È stata eletta presidente della Fondazione Anna Maria Buzzi.

(Fonte: Ravennanotizie.it)

Nasce una fondazione dedicata a Silvio Buzzi

posted by admin
domenica, marzo 28, 2010

Ieri pomeriggio nello studio del notaio Andrea Dello Russo è nata la fondazione “Silvio Buzzi” che avrà lo scopo di non disperdere il rico patrimonio di dati ed informazioni scientifiche raccolte dal conosciuto medico. Tra i soci fondatori, oltre ai figli, amici , collaboratori ed ex pazienti.
La fondazione promuoverà altresì la ricerca attraverso borse di studio che approfondiscano i campi di applicazione della proteina CRM197.

(Fonte: piunotizie.it)

E’ nata la fondazione Silvio Buzzi

posted by admin
domenica, marzo 28, 2010

Ieri pomeriggio nello studio del notaio Andrea Dello Russo è nata la fondazione “Silvio Buzzi”.
Tra i soci fondatori, oltre ai figli del dott. Buzzi, ci sono amici, ex pazienti, collaboratori, numerosi imprenditori e rappresentanti delle autorità locali. La fondazione, spiegano i fondatori in una nota, avrà la finalità di non disperdere il “ricco patrimonio di dati e informazioni scientifiche raccolte dal dott Silvio Buzzi nel corso della sua lunga attività di ricercatore. Altro scopo sarà quello di  promuovere la ricerca attraverso l’istituzione di borse di studio che approfondiscano i  campi di applicazione della proteina CRM197”. Attualmente, ricerche sulla cura anti-cancro del dott. Buzzi sono svolte in Giappone e all’Università di Catania.

(Fonte: ravenna24ore.it)