Warning: include(/home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/images/img.php): failed to open stream: Permission denied in /home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/sidebar-1.php on line 2

Warning: include(): Failed opening 'images/img.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php') in /home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/sidebar-1.php on line 2

Se vuoi saperne di più…

PER INFORMAZIONI CONTATTA :

DOTT.SSA ANNA MARIA BUZZI

tel. 0544 31806 (in orario pomeridiano)
email: silviobuzzi@racine.ra.it

Siamo su Facebook

CRM197 su facebook

Presente del verbo morire

Diffondi il Manifesto

Se vuoi diffondere le notizie sul CRM197
anche nella tua città
 

Il Libro

Il talco sotto la lampada

Risorse

"Mentre un cliclo di chemio costa diverse centinaia di Euro, un trattamento con il CRM197 non costerebbe quasi niente, forse per questo è poco appetibile per le cause farmaceutiche. Senza contare che mentre la chemio distrugge anche le cellule sane, il CRM197 si basa sulla stimolazione del sistema immunitario."

(Anna Maria Buzzi)

Mi Fa Male Il Mondo

"Ma mi fa più male che il cancro sia il più grosso affare economico del secolo..." (Giorgio Gaber)

Posts Tagged ‘interpellanza parlamentare CRM197’

INTERPELLANZA 2/00238

posted by admin
giovedì, ottobre 11, 2007

ATTO CAMERA

INTERPELLANZA 2/00238

Dati di presentazione dell’atto

Legislatura: 15
Seduta di annuncio: 72 del 15/11/2006

Firmatari

Primo firmatario: BRUSCO FRANCESCO
Gruppo: FORZA ITALIA
Data firma: 15/11/2006

Destinatari

Ministero destinatario:

  • MINISTERO DELLA SALUTE

Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA SALUTE delegato in data 15/11/2006

Stato iter:

IN CORSO

Atto Camera

Interpellanza 2-00238
presentata da
FRANCESCO BRUSCO
mercoledì 15 novembre 2006 nella seduta n.072

Il sottoscritto chiede di interpellare il Ministro della salute, per sapere – premesso che:

da recenti notizie di stampa, tra le quali l’ultima è risalente al 5 febbraio 2006 sul quotidiano il Giornale (articolo intitolato «La mia tossina anti-cancro»), si apprende che una particolare proteina, la CRM 197, indurrebbe il sistema immunitario a bloccare l’avanzata del tumore e a volte a farlo regredire: lo scopritore è il dottor Buzzi Silvio di Ravenna, che studia la proteina da circa trent’anni;

gli studi del dottor Buzzi, sono stati pubblicati su prestigiose riviste specialistiche tra le quali Cancer Research (la rivista ufficiale dell’American Association for Cancer Research che raduna i massimi oncologi del mondo e che ha cooptato lo studioso italiano fra i suoi membri attivi), su Cancer Immunology and Immunotherapy e sulla britannica The Lancet, che è dal 1823 la massima espressione scientifica dei clinici;

la proteina CRM 197 viene utilizzata nel nostro paese già da molti anni nei vaccini destinati ai bambini, come per esempio il vaccino antimeningococcico, e pertanto non è tossica o pericolosa per la salute;

la sostanza, iniettata al paziente neoplastico, risulterebbe efficace in tutti quei casi in cui le attuali terapie contro il cancro non sortiscono effetto se non quello di prolungare di qualche settimana la sofferenza dei pazienti;

tuttavia sembrerebbe che la proteina in oggetto sia di difficile reperibilità, e che venga consegnata al medico con difficoltà dalla sola filiale di Siena della Chiron spa -:

se il Ministro interrogato non intenda verificare la veridicità di quanto esposto in premessa, avviando in caso positivo la sperimentazione e la successiva utilizzazione del prodotto.

(2-00238) «Brusco».

Classificazione TESEO:

CONCETTUALE:

SPERIMENTAZIONE CLINICA, STUDI E RICERCHE, TUMORI


Metodo CRM 197
ORDINE  DEL  GIORNO
Il Consiglio Regionale della Campania,
Premesso che:
da recenti notizie di stampa, tra le quali l’ultima risalente al 19 aprile 2006, si apprende che una particolare proteina, la CRM 197, indurrebbe il sistema immunitario a bloccare l’avanzata del tumore e a volte a farlo regredire;
in particolare si legge  che un cittadino napoletano, il signor Gabriele Migliaccio nel tentativo disperato di aiutare la mamma ammalata di tumore,  sta in questi giorni facendo appello, con tutti i mezzi a sua disposizione,  al Ministero della Salute affinché si continui la produzione della tossina anti-cancro, CRM 197, che, nonostante gli ottimi risultati ottenuti, non viene più prodotta.
lo scopritore è il dottor Buzzi Silvio di Ravenna, che studia la proteina da circa trent’anni;
gli studi del dottor Buzzi sono stati pubblicati su prestigiose riviste specialistiche tra cui Cancer Research, la rivista ufficiale dell’American association for cancer research che raduna i massimi oncologi del mondo e che ha cooptato lo studioso italiano fra i suoi membri attivi, su Cancer Immunology and Immunotherapy e sul britannico The Lancet, che è dal 1823 la massima espressione scientifica dei clinici;
la sostanza iniettata al paziente neoplastico riuscirebbe dove le attuali terapie contro il cancro non hanno sortito effetti se non quello di prolungare di qualche settimana la sofferenza dei pazienti;
Considerato che:
il  lotto gratuito di CRM 197, un derivato della tossina difterica in grado in molti casi di bloccare l’avanzata del tumore e a volte di farlo scomparire, è finito nel 2003 e il dottor Silvio Buzzi, suo scopritore e sperimentatore,  proprio non saprebbe come e dove procurarsene dell’altro;
il preparato è assolutamente privo di tossicità. Pare, infatti,  che non occorre privare i pazienti delle cure convenzionali (chirurgia, chemioterapia, radioterapia). Basta solo una puntura. In aggiunta. Zero rischi.
la proteina CRM 197 viene utilizzata nel nostro paese da molti anni come un vettore coniugante oligosaccaride per i vaccini destinati ai bambini, come per esempio il vaccino antimeningococcico, e quindi, non è tossica o pericolosa per la salute, per cui parrebbe possibile accorciare o scavalcare la fase di sperimentazione;
Impegna
il Presidente e la Giunta Regionale della Campania
intervenire presso il Ministero della Salute affinché si riprenda la produzione di tale farmaco nella Chiron vaccines di Siena, unico stabilimento dove è stata fino ad ora prodotta;
di promuovere qualsiasi iniziativa  tesa  a incentivare la ricerca e la sperimentazione affinché non si perda nessuna scoperta nel  tentativo di dare un’ulteriore speranza a tutti i malati di cancro.