Warning: include(/home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/images/img.php): failed to open stream: Permission denied in /home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/sidebar-1.php on line 2

Warning: include(): Failed opening 'images/img.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php') in /home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/sidebar-1.php on line 2

Se vuoi saperne di più…

PER INFORMAZIONI CONTATTA :

DOTT.SSA ANNA MARIA BUZZI

tel. 0544 31806 (in orario pomeridiano)
email: silviobuzzi@racine.ra.it

Siamo su Facebook

CRM197 su facebook

Presente del verbo morire

Diffondi il Manifesto

Se vuoi diffondere le notizie sul CRM197
anche nella tua città
 

Il Libro

Il talco sotto la lampada

Risorse

"Mentre un cliclo di chemio costa diverse centinaia di Euro, un trattamento con il CRM197 non costerebbe quasi niente, forse per questo è poco appetibile per le cause farmaceutiche. Senza contare che mentre la chemio distrugge anche le cellule sane, il CRM197 si basa sulla stimolazione del sistema immunitario."

(Anna Maria Buzzi)

Mi Fa Male Il Mondo

"Ma mi fa più male che il cancro sia il più grosso affare economico del secolo..." (Giorgio Gaber)

Posts Tagged ‘Rosario Scuderi’

Una laurea speciale

posted by admin
mercoledì, luglio 18, 2007

Si laureerà il prossimo 23 Luglio 2007, in Medicina e Chirurgia, presso l’Università di Catania Antonina Failla con una tesi intitolata “Fattore di crescita HB-EGF nell’aterosclerosi e nell’oncogenesi”.

Relatore sarà il Professor Rosario Scuderi del dipartimento di Medicina Interna A. Francavilla.

La notizia è che Antonina Failla firma la prima tesi in Italia che si occupa delle potenzialità antitumorali e antiplacca della molecola CRM197.

“HB-EGF”, anziché una sigla da guerre stellari, indica un temibile fattore di crescita biologica che pullula sulle cellule tumorali e su quelle della placca aterosclerotica. Infatti per entrambi i tipi di cellule HB-EGF è una sorta di lievito.

Non meraviglia, quindi, che scienziati giapponesi nel 2004 abbiano tentato di bloccare temporaneamente il malefico fattore di crescita usando CRM197, suo naturale antagonista (Cancer Research 64: 5720-5727, 2004). E nemmeno meraviglia che l’intenzione di colpire lo stesso bersaglio l’abbiano espressa con entusiasmo, nello stesso anno,  scienziati americani della Harvard University (Cancer Research 64: 5283-5290, 2004).

Il blocco (e anche l’azzeramento) di HB-EGF nelle due patologie incriminate, come noto,  e’ stato ottenuto, dal 1998 ad oggi, da un ricercatore italiano (Meeting AACR 1998, New Orleans, Cancer Immunol Immunother 53: 1041-1048, 2004, Therapy, 4: 293-298, 2007) il dr. Silvio Buzzi di Ravenna.