Warning: include(/home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/images/img.php): failed to open stream: Permission denied in /home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/sidebar-1.php on line 2

Warning: include(): Failed opening 'images/img.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php:/usr/local/lib/php') in /home/crm19986/public_html/wp-content/themes/seoblogsystem/sidebar-1.php on line 2

Se vuoi saperne di più…

PER INFORMAZIONI CONTATTA :

DOTT.SSA ANNA MARIA BUZZI

tel. 0544 31806 (in orario pomeridiano)
email: silviobuzzi@racine.ra.it

Siamo su Facebook

CRM197 su facebook

Presente del verbo morire

Diffondi il Manifesto

Se vuoi diffondere le notizie sul CRM197
anche nella tua città
 

Il Libro

Il talco sotto la lampada

Risorse

"Mentre un cliclo di chemio costa diverse centinaia di Euro, un trattamento con il CRM197 non costerebbe quasi niente, forse per questo è poco appetibile per le cause farmaceutiche. Senza contare che mentre la chemio distrugge anche le cellule sane, il CRM197 si basa sulla stimolazione del sistema immunitario."

(Anna Maria Buzzi)

Mi Fa Male Il Mondo

"Ma mi fa più male che il cancro sia il più grosso affare economico del secolo..." (Giorgio Gaber)

Posts Tagged ‘terapia tumore’

Dalla rete: le cure proibite

posted by admin
domenica, agosto 9, 2009

Trailer del film “Cancro – le cure proibite” di Massimo Mazzucco, disponibile su luogocomune.net

mwxp2ji8vk

Di padre in figlia.

posted by admin
sabato, agosto 1, 2009

Comunichiamo ai soci, ai malati, a tutti i simpatizzanti che la Dottoressa Anna Maria Buzzi, figlia di Silvio e da sempre Sua collaboratrice e compagna di ricerche, ci ha confermato che proseguirà il lavoro del padre.

Il nostro impegno civile e la nostra attività di diffusione dunque non terminano con la morte di Silvio, ma proseguono, al fianco di Anna Maria, ancora più imperterrite e determinate.

La storia del CRM197 continua nel nome di Silvio Buzzi.

Thomas Pistoia

Ravenna: il consiglio comunale ricorda Silvio Buzzi

posted by admin
venerdì, luglio 17, 2009

RAVENNA – In apertura della seduta del consiglio comunale di ieri pomeriggio il presidente Valter Fabbri ha ricordato figura dell’oncologo Silvio Buzzi recentemente scomparso, rievocando il suo impegno nella ricerca delle cure per combattere il cancro. “Un impegno – ha detto – il cui valore è stato ampiamente riconosciuto dalle riviste internazionali del settore e dalle autorità mediche giapponesi che per prime hanno accettato con successo di adottare il suo farmaco sui malati. Ma che anche la nostra città si apprestava a valorizzare come testimonia l’annuncio della Camera di Commercio di volergli conferire un premio prestigioso”.

Al cordoglio di Fabbri e per testimoniare l’apprezzamento per i risultati ottenuti da Buzzi nella ricerca e nella sperimentazione del suo farmaco nonchè la sua carica umana, si sono uniti i consiglieri: Alvaro Ancisi di lista per Ravenna, Maurizio Bucci di FI.-Pdl, Daniele Perini dell’Ulivo-pd, Diego Rubboli di Pdci e l’assessore Giannnantonio Mingozzi.

In particolare Ancisi ha proposto di intitolare al medico scomparso un spazio pubblico attinente alla sua vocazione, come potrebbe essere un reparto o un ambulatorio ospedaliero, “come gesto duraturo di riconoscimento e di memoria per questo uomo di scienza e di ricerca che per anni è stato incompreso e osteggiato proprio nella sua città”.

Fonte: romagnaoggi.it

Lettera Aperta al Ministro Sacconi

posted by admin
giovedì, ottobre 30, 2008

Sig. Ministro,

il mio nome è Giovanni Rossi sono il presidente dell’ Associazione Scelta di Cura o.n.l.u.s. di Salerno.

E’ già da lungo tempo che cerchiamo di sensibilizzare il Ministero della Salute riguardo una delle questioni a cui dedichiamo quotidianamente il nostro impegno.

Oggi Le scriviamo con la speranza di ottenere finalmente tramite Lei la giusta attenzione.

Chi Siamo? Un nutrito gruppo di persone che vive o ha vissuto con un compagno di vita che non ha mai scelto. Una presenza orribile un giorno ha aperto la porta delle nostre case e ha violato le nostre esistenze.

Il Cancro.

Siamo persone che hanno perduto i loro cari.

Siamo malati abbandonati in attesa di morire.

Ma non è per commuoverLa che Le scriviamo.

Abbiamo letto su diversi quotidiani che Lei ha conosciuto il nostro stesso dramma. Sappiamo che un giorno l’alito gelido della malattia ha penetrato anche la Sua casa.

Da qui Le giunga, immediata, la nostra solidarietà.

Nessuno meglio di noi La può capire. Nessuno meglio di noi sa cosa significa sentire un medico pronunciare (a volte senza nemmeno tanta delicatezza) la drastica sentenza.

E’ la morte che si affaccia sull’uscio, la morte che da quel giorno comincia a camminarci accanto.

Accogliamo con sollievo la notizia che lei stesso riporta nelle Sue interviste, secondo la quale almeno nel Suo caso la malattia è stata fermata, sconfitta.

Ne siamo felici. Perchè gli uomini di governo quando condividono con la gente comune un problema, un dramma, una tragedia uscendone vincitori fanno il bene di tutti.

Perchè dopo aver patito possono comprendere.

Lei ora a differenza di altri Suoi colleghi ha un’arma in più, perchè può dire a tutti:

“io so cosa significa, ci sono passato”.

Lei ha un’arma in più. Può aiutarci a cambiare le cose.

La nostra attività ci consente di venire a conoscenza di quelle ricerche, scoperte, intuizioni che sembrano aprire nuovi orizzonti sulle possibilità di cura.

E’ un’attività molto delicata, la nostra. Perchè dobbiamo discernere i veri medici dai ciarlatani, le ricerche condotte con serietà da quelle che mirano solo a un riscontro economico.

Lo facciamo.  Nel nome dei nostri amati cari che non ci sono più.

Il nostro impegno infatti si basa su dei postulati che riteniamo sacri: l’art. 32 della nostra Costituzione, che deve essere letto in relazione all’art. 13 (“la libertà personale è inviolabile”) e il Comma 5 lettera C della Dichiarazione di Helsinki dell’Associazione Medica Mondiale (quest’ultima recita:“Nel trattamento di un paziente, laddove non esistano comprovati metodi preventivi, diagnostici e terapeutici o questi siano stati inefficaci, il medico, con il consenso informato del paziente, deve essere libero di usare mezzi preventivi, diagnostici e terapeutici non provati o nuovi, se a giudizio del medico essi offrono speranza di salvare la vita, ristabilire la salute o alleviare la sofferenza. Laddove possibile, tali mezzi dovrebbero essere fatti oggetto di una ricerca designata per valutare la loro sicurezza ed efficacia. In tutti i casi, le nuove informazioni devono essere registrate e, dove opportuno, pubblicate..”.

Per questo oggi La contattiamo.

Per segnalarLe la scoperta del Dott. Silvio Buzzi di Ravenna in merito alle proprietà antitumorali del CRM197, una variante non tossica della difterite.

Non Le chiediamo sussidi per una ricerca, questa è stata gia affrontata dal dottor Buzzi con il sacrificio, non solo economico, suo e dei suoi familiari.

I risultati dei suoi studi sono stati premiati dalla comunità scientifica internazionale con le pubblicazioni delle sue scoperte su prestigiose riviste oncologiche.

Il CRM197 è una molecola senza un padre e un padrone, senza un brevetto, viene impiegata da oltre un decennio nella immunoprofilassi obbligatoria, sui nostri figli, Signor Ministro, neonati di due mesi di vita.

E’ possibile che una molecola utilizzata sui neonati di tutto il mondo occidentale, da oltre un decennio, possa essere un pericolo per la salute dei malati di cancro, ed anche di quelli terminali ?

Questa molecola inoltre non è riconosciuta dalla farmacopea come un farmaco, non è riconosciuta neppure come un farmaco orfano, da sola non la si trova in farmacia, eppure la producono in quantità industriali, sempre e solo per i vendutissimi vaccini, anche da noi presso la sede italiana della svizzera Novartis.

A proposito sembrerebbe che il CRM197 abbia un costo molto contenuto e in periodi di recessione economica, un risparmio di diversi miliardi sulla spesa sanitaria è bene sia tenuto presente.

Sicchè la molecola da sola, non suscita interesse.

Lei sa bene Signor Ministro quali e quanti interessi dovrebbero intervenire nel far inserire una molecola nell’elenco dei farmaci commercializzabili. Noi tutti abbiamo ancora un ricordo vivissimo dei lingotti d’oro trovati dalla Guardia di Finanza nel sofà di chi era preposto a quell’elenco.

Noi Le chiediamo semplicemente che ai malati di cancro, in sintonia con il proprio medico e nel rispetto della vigente regolamentazione, venga permesso di sottoporsi alla terapia con il CRM197, trattamento che, secondo il protocollo elaborato dal dott. Buzzi, non ha preoccupanti effetti collaterali avversi, slegando così la voglia di sopravvivere di queste persone dalla matassa burocratica che avvolge oggi la cura sperimentale in Italia.

Noi chiediamo che le Istituzioni intervengano laddove l’interesse di una casa farmaceutica non coincide con il bene pubblico.

Sappiamo come funziona una azienda; ci sono i bilanci: entrate, uscite, profitti e perdite. Non si trovano altre voci. Non sono contemplate voci come guarire (contrapposte all’odierno curare all’infinito). Voci come dare una speranza a chi è abbandonato al suo destino.

Oltretutto le proprietà antitumorali del CRM197 scoperte dall’italianissimo dott. Buzzi sono state ritenute valide dall’equivalente ministro della salute giapponese che dopo averlo convocato e sentito a Tokyo, ha finanziato ed autorizzato una sperimentazione partita ormai lo scorso dicembre in ben tre cliniche universitarie, sulle donne affette da carcinoma ovarico metastatizzato.

E in Italia ? Lasciamo perdere e soprattutto lasciamo che la magistratura faccia il suo corso.

A tal proposito, Le chiediamo di intervenire urgentemente e di non permettere a personaggi senza scrupoli e soprattutto senza coscienza di infangare una intera categoria di persone che indossano il camice con professionalità, umanità e passione.

Signor Ministro, il nostro obiettivo non è certamente quello di voler ostacolare le altre strade terapeutiche.

Noi vogliamo che siano prese seriamente in considerazione tutte le possibili e serie terapie, vogliamo che contro il cancro sia utilizzata senza pregiudizi, senza remore alcuna, ogni possibile arma.

Non vogliamo pensare che nel nostro paese gli interessi di pochi e in particolare, interessi di stranieri, possano impedire il libero cammino di una terapia che può contribuire a salvare molte vite umane, le vite dei nostri bambini, di giovani madri, dei nostri cari.

Sui nostri siti www.crm197.it e www.sceltadicura.it potrà trovare ulteriori informazioni sulle vicissitudini legate al CRM197 e sulle nostre iniziative.

Potrà notare che sulla home page dei nostri siti web compare la Sua effigie seguita da un nostro  accorato appello: “La Turco ci ha ignorati. Ministro Sacconi Lei ci ascolterà?”

Desideriamo incontrarLa, farLe incontrare il Dott. Buzzi. A Suo tempo il Dottore fu già ricevuto dal Ministro Storace ma gli eventi politici interruppero questa prima, favorevole, presa di coscienza delle istituzioni.

Il Ministro Turco non ha avuto in seguito la sensibilità necessaria.

Oggi chiediamo a Lei di aiutarci ad aiutare i malati.

Oggi le chiediamo di prestare attenzione a una terapia che forse non è la soluzione definitiva, ma certo è un notevolissimo passo avanti, una efficace alternativa.

Perché Lei può dire a tutti: “io so cosa significa, ci sono passato”.

Perché Lei, ora, può aiutarci a cambiare le cose.

Giovanni Rossi

Presidente dell’ Associazione

Scelta di Cura ONLUS

C’è del marcio nell’AIFA?

posted by admin
sabato, maggio 24, 2008
La notizia della bufera giudiziaria abbattutasi sull’AIFA non ci lascia certo ammutoliti dallo stupore.
Denaro, solo denaro. Non c’è (e nessuno meglio di noi può saperlo) altro interesse, non esiste altro bersaglio.
Avide spugne avvolte in un camice bianco decidono se sia più conveniente dal punto di vista economico questo o quel medicinale; se si guadagni di più a salvare, a tenere a malapena in vita, o addirittura a non curare assolutamente i cittadini.
Sì, certo che lo sappiamo. E’ una storia che noi del CRM197 conosciamo fin troppo bene,

Lobby farmaceutiche ed oncologiche hanno deciso che no, la terapia del Dott. Buzzi non conviene, non rientra nel business, non porta ricchezza.
E allora morite gente! Morite o assistite inermi alla morte dei vostri cari, alle loro chemio e radioterapie spesso inutili e devastanti, che ve li riducono a scheletri, ad amebe, a esseri irriconoscibili, alieni che viaggiano veloci da questo all’altro mondo.

E’ il mercato del farmaco, signori. Una storia che in italia si ripete periodicamente. Ogni tanto si scopre che qualcuno ha pagato perchè non si sapesse che questo o quel farmaco non aiuta, non serve, non è il migliore, anzi fa male. Ogni tanto si scopre che qualcuno calpesta il nostro diritto alla salute, quello dei nostri figli, anche quando sono solo bambini.

Non ci sono colpevoli senza tre gradi di giudizio, va bene, Ma in una società in cui almeno a parole c’è la libertà di pensiero, beh, lasciateci liberi di pensare che Guariniello ha trovato del marcio nell’AIFA e nei suoi rapporti con le case farmaceutiche; lasciateci liberi di credere fermamente che il CRM197 è ignorato, boicottato, eliminato (perlomeno in Italia) da ogni protocollo di sperimentazione onesto e serio, perchè ci sono interessi che sarebbero seriamente danneggiati dalla sua diffusione.

No, quale stupore. Ci stupiamo caso mai che qualcuno abbia avuto il coraggio e le palle di denunciare. Ci stupiamo che i media in un modo o nell’altro ne abbiamo parlato almeno una volta.
Ci stupiremo senz’altro se qualcuno verrà condannato, se qualche casa farmaceutica pagherà finalmente il fio dei suoi delitti.

Il marcio ogni tanto viene a galla, ma i criminali che lo producono pensano che la puzza qui in superficie non si senta, pensano che noi non ci si faccia caso.

Grazie a Guariniello per aver spruzzato nell’aria un po’ di deodorante.
Un profumo breve ma intenso.

Di speranza e giustizia.

Un’essenza che auspichiamo cominci ad aleggiare presto anche intorno a certi primari di oncologia empolesi e a qualche comitato etico fiorentino

Thomas Pistoia